Eventi 2020

Scopri tutte le iniziative dell'edizione 2020 del Villaggio Letterario.


Eventi di Febbraio

EVENTI DIFEBBRAIO

  • IL RITORNO DI ARTEMISIA A POZZUOLI

    GIOVEDÌ 06 FEBBRAIO 2020 ore 18:00

    PARTNER  ASSOCIAZIONE VILLAGGIO LETTERARIO  

    Artemisia Gentileschi “L’Adorazione dei Magi” dal 6/2 al 31/5 

    Dopo il successo di “Un Capolavoro per Milano” 2019, ritorna a Pozzuoli L’“Adorazione dei Magi” di Artemisia Gentileschi.

    L’opera della grande pittrice caravaggesca dallo scorso mese di ottobre è “ospite d’onore” del Museo diocesano Carlo Maria Martini di Milano per l’annuale evento organizzato nella città ambrosiana in vista delle festività natalizie. L’edizione del 2019 ha visto la collaborazione delle diocesi di Milano e Pozzuoli che insieme hanno voluto creare non solo un evento, ma un’esperienza di condivisione, di arricchimento, di sostegno nella fede, di sinodalità. Ora tornando a casa la straordinaria tela di Artemisia vede nuovamente le diocesi coinvolte, con il sostegno della Soprintendenza ABAP per l'area metropolitana di Napoli, per l’allestimento di una mostra che consenta di ammirare l’opera in tutti i suoi particolari. L’“Adorazione dei Magi”, infatti, fa parte della quadreria del coro della Cattedrale di Pozzuoli, riaperta solo nel 2014 dopo un grandioso restauro a cinquant’anni dalla chiusura causata da un incendio e dai danni del bradisismo del 1970. Questa mostra è la prima nel territorio flegreo dedicata ad Artemisia Gentileschi, ma ancor di più è l’occasione per gustare in tutta la sua imponenza e nella delicatezza dei suoi forti dettagli l’opera della grande pittrice. Abitualmente essa è collocata nella Cattedrale San Procolo martire al rione Terra di Pozzuoli tra altre tele e molto in alto. Questa mostra vuole essere l’occasione per soffermarsi faccia a faccia con il mistero di bellezza che la straordinaria artista ha voluto imprimere sulla tela attraverso la scena dell’adorazione dei magi del Vangelo secondo Matteo.

    La mostra verrà inaugurata giovedì 6 febbraio 2020 alle ore 18:00 nel Museo diocesano di Pozzuoli e durerà fino al 31 maggio 2020.

    Essa si colloca inoltre come il primo di una serie di appuntamenti d’arte, dal titolo “I Tesori della Cattedrale di Pozzuoli”, organizzati in collaborazione con la Soprintendenza ABAP per l'area metropolitana di Napoli, per la valorizzazione della storia e dell’arte del territorio flegreo e della Cattedrale di Pozzuoli.

    Interverranno all’inaugurazione il Vescovo della Diocesi di Pozzuoli, Mons. Gennaro Pascarella, il Sindaco di Pozzuoli, dott. Vincenzo Figliolia, il Soprintendente ABAP per l'area Metropolitana di Napoli, dott.ssa Teresa Elena Cinquantaquattro, la Direttrice del Museo Diocesano di Milano, dott.ssa Nadia Righi, il Responsabile dell'Ufficio Beni Ecclesiastici della Diocesi di Pozzuoli, don Roberto Della Rocca, il Funzionario Storico dell'Arte della Soprintendenza ABAP per l'area metropolitana di Napoli, dott.ssa Marianna Merolle.

    Per l’occasione la diocesi di Milano farà dono del progetto “DescriVedendo”, un metodo innovativo per rendere accessibile a tutti l’arte, anche a chi ha ridotta o nulla capacità visiva.

    Patrocini morali gratuiti: Comuni di Pozzuoli, Quarto, Bacoli e Monte di Procida con i loro rispettivi sindaci;

    Partner:  le associazioni Villaggio Letterario, Lunaria Onlus A2, Associazione Italiana Sommelier (AIS) di Napoli, Liberass

    Si ringrazia ancora per l’aiuto l’Unione Nazionale dell’Arma dei Carabinieri Delegazione di Napoli.

    Il museo sarà aperto il sabato e la domenica dalle ore 9:30 alle 13:30 e dalle 15:00 alle 18:00

    Per i gruppi e le scuole sarà possibile prenotare visite anche nei giorni infrasettimanali.

    Contatti: tel: 081 5264761 (attivo sabato e domenica)


Eventi di Marzo

EVENTI DIMARZO

  • NECROPOLIS

    GIOVEDÌ 12 MARZO 2020 ore 12:00

    Necropoli Puteolane

    La città dei morti dell’antichità

    La necropoli indica in archeologia un’area in cui sono localizzate le sepolture dei membri di una comunità. Queste aree presentano nel tempo differenze significative nei modi di seppellimento e nei beni di corredo. Le necropoli sono dunque i cimiteri dell’antichità e costituiscono per l’archeologo una delle fonti principali di informazione, in quanto forniscono preziosi dati per ricostruire la composizione sociale di un gruppo umano stanziato in un determinato territorio

    I defunti non sono tutti uguali: riti e corredi funerari

    Presso tutte le società gli uomini rivestono un ruolo che conservano anche da morti: è questo elemento che caratterizza le necropoli – città dei morti, dal greco necròs («morto») e pòlis («città») – e offre agli archeologi importanti dati; inoltre, le necropoli ripropongono fedelmente lo schema dei rapporti di parentela di una società, come accade anche oggi nei nostri cimiteri.

    Le differenze tra gli individui sono segnalate dal trattamento del cadavere e dal corredo, che i vivi pongono come accompagnamento del defunto e che è costituito sia dai beni che egli possedeva in vita sia da oggetti fabbricati appositamente come offerta. Nelle sepolture nobiliari esso può comprendere sacrifici di animali e uomini, come presso molte culture dell’Estremo Oriente, dove le tombe di alto rango sono associate a fosse con carri e cavalli e a sacrifici umani, e nelle Americhe, per esempio tra gli Inca, dove alla morte del sovrano le sue spose e i suoi attendenti si davano la morte per essere sepolti con lui.

    Poiché toccano i significati profondi della vita e della morte, i modi di seppellimento e i beni funerari sono comunque i messaggi più complessi che una cultura, nel difficile atto di separarsi da un suo membro, lascia di sé stessa, e quindi sono anche quelli più ardui da interpretare.

    Le necropoli nascono con i primi villaggi

    Di fatto le necropoli cominciarono a nascere con i primi villaggi e con l’agricoltura: le fasi più antiche della storia dell’umanità furono infatti caratterizzate da una forma di vita nomadica, in cui gli spostamenti assecondavano le esigenze della caccia e della raccolta di vegetali spontanei. Soltanto quando vennero fondati villaggi agricoli stabili i morti iniziarono a essere deposti in luoghi riservati a tale scopo. .

    Come sono organizzate le città dei defunti

    Frequentemente le necropoli mostrano di essere state attentamente pianificate. Non è quasi mai casuale la posizione delle strutture che ospitano i defunti e che spesso seguono un orientamento astronomico; precise norme possono regolare la posizione del defunto e la direzione in cui guarda il suo capo.

    La localizzazione delle città dei defunti si oppone a volte allo spazio abitato, occupando i lati delle vie che si diramano dall’insediamento, come la via Appia in epoca romana; spesso le necropoli si trovano in suoli improduttivi, essendo a volte intagliate nella roccia, come a Siracusa, oppure ubicate nel deserto, come nella Valle dei Re in Egitto, un’area in cui le pratiche funerarie raggiunsero estrema complessità.

    Menzione particolare meritano le catacombe cimiteri sotterranei che vennero sviluppandosi in Europa a partire dal 2° secolo d.C.: articolate in lunghe gallerie, esse contenevano sepolture in semplici loculi ricavati sui lati, ma potevano anche ospitare sarcofagi scavati nella roccia o veri e propri mausolei.

    Il trattamento dei defunti

    Non sempre nelle necropoli i defunti venivano deposti integri, senza avere subito trattamenti particolari volti a modificarne il corpo. Se l’inumazione, vale a dire la sepoltura del corpo integro, che viene definita come sepoltura primaria, è una pratica ricorrente, altrettanto lo sono molte forme di sepoltura secondaria: esse prevedono l’incinerazione, oppure l’esposizione dei corpi ad agenti atmosferici che accelerino il processo di decomposizione, e la successiva sepoltura dei resti.

  • VILLA ELVIRA, PRIMA E DOPO IL RESTAURO MOSTRA

    SABATO 14 MARZO 2020 ore 11:09

    WORK IN PROGRESS

Eventi di Maggio

EVENTI DIMAGGIO

  • TROFEO MAIORCA

    VENERDÌ 08 MAGGIO 2020 ore 11:00



    PROGRAMMA 8-10 MAGGIO 2020

    Venerdì 8 maggio 2020:

    Ore 11.00         Arrivo dei partecipanti e sistemazione in Hotel

    Ore 12.00         Briefing presso il Centro Sub Campi Flegrei, verifica delle iscrizioni, consegna a tutti i partecipanti della t-shirt della manifestazione

    In questa fase saranno comunicati il campo gara ed i temi da sviluppare.

    Ore 14.00         Prima immersione di gara della durata di un’ora. Al rientro consegna immediata delle schede SD per scaricare le foto. Selezione delle immagini (una per tema) e consegna del modulo cartaceo con indicata la scelta fatta entro le ore 17.00

    Ore 18.00         Raduno dei concorrenti e per il briefing del giorno dopo, della durata massima di 20’.

    Ore 18.30         Vernissage “Enzo Maiorca, Un tuffo nei ricordi tra foto e giornali” a cura di Pippo Cappellano, Marina Cappabianca. Vernissage con aperitivo.

    Ore 20.30         Extra Cena (extra da confermare entro il 30/4)*

     

    Sabato 9 maggio 2020 

    Ore 8.00            Colazione a buffet presso l’Hotel

    Ore 9.00            Incontro al Centro Sub Campi Flegrei, sistemazione sui gommoni e raggiungimento del campo gara per lo svolgimento della seconda giornata

    Ore 10.00         Seconda immersione di gara della durata di un’ora. Al rientro consegna immediata delle schede SD per scaricare le foto.

    Ore 15.00         Terza immersione di gara della durata di un’ora. Selezione delle immagini (una per tema) e consegna del modulo cartaceo con indicata la scelta fatta entro le ore 17.00

    Ore 20.30         Extra Cena (extra da confermare entro il 30/4)*


    Domenica 10 maggio 2020 

    Ore 8.00           Colazione a buffet presso l’Hotel

    Ore 9.00           Extra Visita Guidata al Rione Terra di Pozzuoli

                            Percorso archeologico sotterraneo, Tempio di epoca romano/ Duomo e al Museo Diocesano (extra ticket di ingresso €. 9,00) da prenotare entro il 30/4/2020 

    Ore 11.30         Vernissage “Il Cinema e il Mare dal 1920 al 2020”. Frame e frasi famose di Film Cult a cura di Anna Russolillo. Vernissage con aperitivo

     

    Ore 12.00         CERIMONIA DI PREMIAZIONE  2° TROFEO MAIORCA in ricordo di Enzo Maiorca

     

     

     

     

     

    ORGANIZZAZIONE E GIURIA 

    2°TROFEO MAIORCA in ricordo di Enzo Maiorca su idea di Anna Russolillo

    MADRINA DEL TROFEO

    Patrizia Maiorca  

    Inizia la carriera agonistica nel 1978 con il record di -35 metri in assetto costante, l’anno successivo lo porta a -40. Nel 1982 il mare di Milazzo ci vedrà raggiungere la profondità record di 50 metri in assetto variabile. Nel 1987, nonostante due figli di uno e tre anni, realizza un altro record in assetto variabile -70 metri. La sua ultima immersione record risale al 1988 con i 47 metri in assetto costante. La sua “carriera” sportiva è stata onorata da diversi premi, Qui ricordiamo solo il primo e l’ultimo: la stella d’oro al merito sportivo del CONI e il premio “Duilio Marcante” della UISP, ricevuto il 23 Febbraio 2013.

    Il ritiro dall’ agonismo non coincide con l’abbandono del mare che continua a frequentare in tutte le maniere, sia in superficie che in profondità, sia con autorespiratore che in apnea. Questa assidua frequentazione l’ ha portato a rendersi conto di quanto oggi il mare sia in pericolo, di come sia un ammalato gravissimo. Cerca quindi, di dare voce al grido di aiuto che dal mare si alza e lo fa tenendo delle conferenze, un po’ dappertutto. Nel 2011 ha iniziato una collaborazione con la rivista “Mondo Sommerso”. Il 12 maggio 2012 è stata madrina, con un’immersione in apnea, di una mostra di fotografie subacquee installata sulla petroliera Milford Haven colata a picco nel 1991 davanti ad Arenzano. Nel Settembre 2012 con suo padre Enzo è stata essere accolta nel Consiglio dei Saggi di Sea Shepherd e, sempre lo stesso anno, sono entrata nel Consiglio Direttivo della Lega Attività Subacquee della UISP. Fa parte del comitato scientifico dell’Opificium Studiorum Maris. Dal 2017 è presidente del Consorzio Area Marina Protetta del Plemmirio di Siracusa.

     

    DIREZIONE ARTISTICA E TECNICA: Anna Russolillo, Enzo Maione, Pasquale Vassallo

    Anna Russolillo

    Architetto, event manager laureata in architettura e specializzata in restauro dei monumenti alla Federico II di Napoli. Fino al 2014 è stata consulente della Soprintendenza architettonica di Napoli e Provincia. Da sempre coinvolta per studio, per lavoro e per passione nel mondo dell'arte, della scienza e del turismo, sia campano che siciliano, ama ideare, organizzare, coordinare e realizzare progetti ed eventi culturali, sociali, scientifici.

    Fondatrice e curatrice della Rassegna Villaggio Letterario conta ad oggi la realizzazione di oltre 300 eventi e di 18 rassegne annuali e biennali “Trofeo Maiorca”, “No limits wine e diving” “Mare Fest. Vietato Non Toccare”, “Mare kids”, “Libro Fest”, “Un tuffo per l’ambiente”, “Fashion Diver. Mare pulito e mare sporco” “Un mare di documentari”, “Archeo Kid” “Roccocò Fest, Roccocò e Rococò”, “Fico Fest”, “Residenza d’Artista”, “Orto ed Economia Circolare”, “Oblio Mediterraneo. I perduti e gli sperduti”, “Archeo Gastronomia”. Da oltre vent’anni subacquea ha numerosi attestati in archeologia subacquea.

    Da anni realizza con le associazioni di cui è presidente (villaggio letterario e lunaria onlus A2  corsi scientifici con crediti formativi universitari e per dottorandi (politecnico di Milano, Uni. Palermo, Uni Roma 3, Uni. Trieste, Uni Pavia, etc..) di Archeologia Subacquea (ultimo nel 2018) con i docenti i proff. Sebastiano Tusa, Massimo Cinelli, Gianfranco Purpura; di Biologia Marina con i biologi marini Franco Andaloro e Francesco Cinelli; di Geologia delle Coste con i proff.  Stefano Furlani e Franco Foresta Martin;  di Vulcanologia con i proff. Franco Foresta Martin, Roberto Scandone, Lisetta Giacomelli;  di Archeoastronomia con il  prof. Giulio Magli. Nel 2019 ha ricevuto una Medaglia di riconoscimento per aver dato un contributo alla 60ma Rassegna Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee;  ha diretto il  primo Trofeo di fotografia subacquea in memoria di Sebastiano Tusa “Ustica Batimetrica Zero” con Pippo Cappellano e Marina Cappabianca.  Ideatrice e curatrice della Rassegna “Mare Fest. Vietato Non Toccare con i bambini vedenti, ipovedenti e non vedenti in ricordo di Sebastiano Tusa che si è tenuta a fine settembre 20189 ha realizzato la prima Mostra tattile in Italia dedicata al mare con il coinvolgimento delle scuole (una mostra collettiva  itinerante esposta al Museo Regionale di arte moderna e contemporanea di Palermo, poi al Chiostro dei Gesuiti in Blue Sea Land e al al Farm Cultural Park di Favara). Ha realizzato a dicembre “Roccocò Fest. Roccocò e Rococò con premio giovani pasticcieri napoletani con le scuole alberghiere della Campania” e il 28 dicembre ha realizzato e curato Castello Aragonese di Baia all’interno della rassegna Bon Anniversaire Cinema.  L’anteprima della Mostra “Il Cinema e il Mare dal 1920 al 2020”.

    Enzo Maione

    Istruttore subacqueo e titolare del Centro Sub campi Flegrei.

    Napoletano, ha sempre vissuto a Pozzuoli a pochi metri dal mare, quel mare che sarebbe diventato il suo luogo naturale, il Parco Archeologico Sommerso di Baia. Nato a due passi dal mare, inizia a scoprire i fondali da bambino, grazie al padre che gli trasmette la passione per la pesca in apnea fin dai primi anni di età. Intraprende studi tecnici fino a diplomarsi come perito chimico e frequentare per qualche anno l’università di ingegneria chimica di Napoli. Durante gli studi, all’età di 18 anni, grazie ad un progetto scolastico, scopre che sott’acqua si può respirare e ne rimane folgorato scoprendo che può restarci per molto più tempo rispetto a quanto era abituato in apnea. Nel 1992 frequenta un corso di specializzazione come esperto in valorizzazione ambientale, al termine del quale è previsto un lavoro di gruppo per la realizzazione di un CD ROM. Il tema assegnatogli è la città sommersa, a quel tempo non ancora area marina protetta, fu amore a prima vista.Successivamente consegue un brevetto subacqueo in un diving sotto casa Ideazzurra, dal quale non ne uscirà più. Non potendosi permettere un’assidua pratica dell’immersione a causa delle esigue disponibilità economiche, in quanto ancora studente, inizia subito a collaborare con il diving per poter fare immersioni e pagarsi i corsi successivi fino a quelli professionali. Di quel diving insieme ad altri amici ne diventa gestore nel 2000 cambiando il nome in Centro Sub Campi Flegrei. Nel 2001 il mare gli fa conoscere Cristina, che diventerà sua moglie e da cui avrà un figlio di nome Luigi. Il diving center nel giro di qualche anno diventa tra i più importanti in Campania e successivamente si attesta tra i migliori in Italia, conseguendo il premio come miglior diving Padi in Italia nel 2011; 2012; 2015; 2016; 2018. Nel 2014 viene nominato da Padi Emea “Market leader” del territorio Europa, Medio Oriente, Africa, considerandolo tra i pochi professionisti della subacquea in grado di influenzare il mercato della subacquea.

    Pasquale Vassallo

    Fotografo subacqueo, laureato in produzioni marine presso lʼUniversità di Napoli “Federico II”, studioso dellʼecosistema marino, nasce a Napoli nel 1970. Ha imparato sin da piccolo ad amare il mare e ad immergersi in apnea alla ricerca di polpi e ricci. Con il passare degli anni, la passione per il grande blu, si è evoluta in pura esplorazione del mondo sommerso. Autodidatta, inizia la sua attività di fotosub con una Nikonos III nel 1989, orientandosi sempre più verso la fotografia dʼinteresse biologico, favorito dalla ricchezza dei fondali del golfo di Napoli. Le sue foto ed i suoi articoli sono stati pubblicati su importanti riviste nazionali e internazionali, tra queste: National Geographic, Tauchen, Dive Master, Discovery Magazine, Le Figarò, GeoMagazine e molte altre. Numerosi i premi e riconoscimenti in tutto il mondo, tra cui il prestigioso “Plongeur dʼOr” nel 2011 di Marsiglia. Un suo portfolio è stato pubblicato nel numero 100 della rivista Asian Diver; alcune sue immagini sono state inserite nellʼedizione unica della rivista “Scuba Diver Ocean Planet” dedicata agli artisti che hanno lasciato un segno nella fotografia subacquea. Collaboratore della nota agenzia fotografica Francese, BiosPhoto. Nel 2016 è il fotografo della prima guida al Parco Archeologico sommerso di Baia, realizzata in collaborazione con il Centro Sub Campi Flegrei, presentata allʼ ADEX di Singapore.

     

    PRESIDENTE GIURIA: 

    Pippo Cappellano

    Giornalista, regista e documentarista, vice presidente dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee.

    Ha diretto e prodotto diverse serie di successo per la RAI sull’esplorazione marina e sull’archeologia subacquea. Nel 1980 ha condotto la spedizione “Mondo Sommerso” al triangolo delle Bermuda a bordo dello sloop Alyan, realizzando “Dimensione Oceano”, 6 puntate da 60’ per RAI UNO. Ha realizzato oltre 300 documentari in varie parti del mondo su temi di natura, scienza e storia.

    Nel 2006, realizza per “Ulisse” di Alberto Angela RAI TRE, il primo documentario archeologico in Italia con riprese a oltre 100 metri di profondità: “L’enigma del Polluce”, insignito del prestigioso premio Pinna d’Oro di Antibes come Migliore Film Storico. Ha ricevuto il Tridente d’Oro e la Cittadinanza Onoraria di Ustica nel 1983, con la seguente motivazione: “Ha realizzato sin dal 1967 filmati subacquei di altissimo interesse scientifico e divulgativo per la televisione italiana, riscuotendo ovunque notevoli consensi”.

     

    GIUDICE DI GARA

    Marco Gargiulo

    Fotografo e biologo marino

    Condivide sin da bambino la passione per il mare con i suoi genitori, Enrico e Maria Rosaria, affermati fotosub di livello mondiale.

    Inizia ad immergersi con autorespiratore nell’estate del 1974 e da allora frequenta le acque del Mar Mediterraneo, in ogni periodo dell’anno, per immortalare la segreta vita dell’habitat sottomarino. Nel 2014 ricorre il 40° anniversario dalla prima immersione subacquea.

    Inizia undicenne (1979) insieme al fratello Arturo, a scattare le prime foto subacquee con la Nikonos III, partecipa da allora con successo a numerose gare di fotografia in estemporanea e a concorsi nazionali ed internazionali. Dopo alcuni anni di lontananza ritorna alle competizioni, dopo aver fondato nel 2009, insieme ad amici subacquei, il POSEIDON TEAM A.S.D., del quale ricopre la carica di responsabile del settore Fotografia Subacquea e Vice Presidente. Attualmente fotografa solo in digitale con una Nikon D850 in custodia NAUTICAM, 2 Flash INON Z240, 2 Flash Ikelite DS 161, comandati con fibra ottica, dopo lunghi anni trascorsi a fotografare in analogico con una Nikon F100 in custodia Underwave Igloo. Collabora con le riviste del settore pubblicando articoli di biologia marina e reportage di viaggio. E’ membro della I.U.P.S. (Italian Underwater Photography Society) con cui collabora come webmaster, editore e moderatore del sito web www.fotosub.net. Appena libero dagli impegni lavorativi, complice il bel tempo, soprattutto in inverno, si estrania nel silenzio e nell’oscurità della notte, per immergersi con la sua fotocamera, alla ricerca di sempre nuove emozioni, in compagnia dei magnifici abitanti del mare

     

    GIURIA: Anna e Settimio Cipriani, Marina Cappabianca, Pasquale Vassallo, Guido Villani, Alessandra De Caro 

     

    Anna e Settimio Cipriani

    Pluircampioni mondiali di fotografia subacquea

    Negli anni Settimio Cipriani ha rappresentato l’Italia in numerose competizioni Internazionali tra cui: nel 1994 il Campionato del Mondo di Foto Sub Ceju Korea, medaglia d’oro a squadre; nel 1996 a Ciutadella Minorca, Campionato del Mondo 2°classificato, e medaglia d’oro a squadre; nel 1998 Campionato del Mondo Fotosub Alesund Norvegia; nel 2000 Campionato del Mondo Fotosub Hurghada Soma Bay Mar Rosso Egiziano, Campione del Mondo, 1°class. con medaglia d’oro per la foto ambiente, 1°class. con medaglia d’oro per la foto creativa, medaglia d’oro a squadre, e medaglia d’oro ad Anna come modella; nel 2002 Campionato del Mondo Fotosub, Marsiglia, Francia. Non ultimo, per i suoi indubbi meriti, dal 2010 al 2013 ha avuto l’incarico di “Direttore Tecnico” della Squadra Nazionale di Fotografia Subacquea.

    Marina Cappabianca 

    Doumentarista, regista e produttrice

    Dopo aver frequentato il corso di laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università di Torino e conseguito il Diploma di Interprete Parlamentare alla Scuola Superiore Interpreti e Traduttori di Firenze, Marina raccoglie una lunga esperienza nel campo dei viaggi e della comunicazione. Dal 1987 lavora nella produzione di documentari naturalistici, scientifici e sociali in qualità di produttore e regista. Ha partecipato alla realizzazione di documentari per il mercato nazionale ed internazionale negli Stati Uniti, in Canada, America Latina, Vietnam, Africa e in gran parte dell’Europa. 

     

    Pasquale Vassallo

    Fotografo subacqueo

    Fotografo subacqueo, laureato in produzioni marine presso lʼUniversità di Napoli “Federico II”, studioso dellʼecosistema marino, nasce a Napoli nel 1970. Ha imparato sin da piccolo ad amare il mare e ad immergersi in apnea alla ricerca di polpi e ricci. Con il passare degli anni, la passione per il grande blu, si è evoluta in pura esplorazione del mondo sommerso. Autodidatta, inizia la sua attività di fotosub con una Nikonos III nel 1989, orientandosi sempre più verso la fotografia dʼinteresse biologico, favorito dalla ricchezza dei fondali del golfo di Napoli. Le sue foto ed i suoi articoli sono stati pubblicati su importanti riviste nazionali e internazionali, tra queste: National Geographic, Tauchen, Dive Master, Discovery Magazine, Le Figarò, GeoMagazine e molte altre. Numerosi i premi e riconoscimenti in tutto il mondo, tra cui il prestigioso “Plongeur dʼOr” nel 2011 di Marsiglia. Un suo portfolio è stato pubblicato nel numero 100 della rivista Asian Diver; alcune sue immagini sono state inserite nellʼedizione unica della rivista “Scuba Diver Ocean Planet” dedicata agli artisti che hanno lasciato un segno nella fotografia subacquea. Collaboratore della nota agenzia fotografica Francese, BiosPhoto. Nel 2016 è il fotografo della prima guida al Parco Archeologico sommerso di Baia, realizzata in collaborazione con il Centro Sub Campi Flegrei, presentata allʼ ADEX di Singapore.

     

    Guido Villani

    Fotografo Biologo marino

    Guido Villani è nato a Napoli nel 1956 e vive ed opera nell’area flegrea dal 1990. Lavora come biologo marino presso l’Istituto di Chimica biomolecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pozzuoli (Napoli). Appassionato apneista fin da bambino, dal 1982 ha iniziato a occuparsi di fotografia subacquea, raggiungendo una visibilità in ambito nazionale ed internazionale. Collabora con l’Università Parthenope di Napoli e con la Stazione Zoologica Anton Dohrn documentando la biodiversità marina, in Mediterraneo e in altri mari, in particolare per diverse Aree Marine Protette italiane. E’ autore del libro fotografico Campania - Emozioni nel blu, Massa Editore, 2005

    Alessandra De Caro

    Architetto, dirigente della Soprintendenza del Mare

    Alessandra De Caro architetto, dopo anni di professione libera e insegnamento nelle scuole dal 1991 è dirigente tecnico nei ruoli dell’Assessorato Regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana. Oggi responsabile dell’U.O. 2 “Divulgazione e Valorizzazione del Patrimonio culturale sommerso. Arsenale della Marina Regia alla Soprintendenza del Mare. Numerosi i progetti ideati e scritti finalizzati alla conoscenza, alla promozione e alla valorizzazione del patrimonio culturale sommerso e realizzati anche in collaborazione con altre Istituzioni, Associazioni e realtà no profit. Con particolare attenzione ai progetti didattici rivolti alle scuole e a quelli finalizzati alla inclusione sociale. Prestigiose le partecipazioni a seminari nazionali ed internazionali, nei quali oltre a relazionare ha coordinato, in qualità di Project Manager, i lavori che si sono tenuti in Italia, Spagna, Marocco, Grecia, Libano, Portogallo, Tunisia, Egitto, etc., all’interno di progetti finanziati, su specifici progetti, dalla Unione europea. Nel 2019 ha ricevuto a giugno una Medaglia di riconoscimento per aver dato un contributo alla 60ma Rassegna Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. E’ stata giudice di gara nel primo Trofeo di fotografia subacquea in memoria di Sebastiano Tusa “Ustica Batimetrica Zero”.

    Socio fondatore dell’Associazione Amici della Soprintendenza del Mare, componente del Comitato tecnico-scientifico del Trofeo del Mare di Pozzallo, coideatrice dal 2017 del Villaggio letterario.

     

     


     

    PREMIAZIONE 

    Assegnazione dei trofei e distribuzione di un ricco monte premi.

    2°Trofeo Maiorca, dai premi in danaro, ai viaggi nei paradisi della subacquea, dalle innovative custodie subacquee, ai braccetti galleggianti e buoni sconto sui prodotti subacquei per un valore di oltre 3000 euro.

    1° Premio 

    €.1000,00 (mille euro) + Attrezzature

    2° Premio 

    €.300,00 (quattrocento euro) + Attrezzature

    3° Premi

     Week end in paradiso subacqueo + Attrezzature

    ---------------------------------------------------------------------------

    Le foto del 2° TROFEO MAIORCA con firma del fotografo 

    saranno donate anche al Parco Archeologico dei Campi Flegrei (MIBACT)

    ed esposte nella manifestazione ARCHEO CAMP 2020

    Scarica PDF
  • IL CINEMA E IL MARE DAL 1920 AL 2020

    VENERDÌ 08 MAGGIO 2020 ore 20:00

    “Il Cinema e il Mare dal 1920 al 2020” è il titolo della mostra di celebri frasi dei Film Cult con frame di manifesti e di scene che hanno come fil rouge il mare. 

    L’esposizione a cura dell’architetto Anna Russolillo presidente di Villaggio Letterario,  offrirà l’occasione per ripercorrere con cadenza decennale il filone di successo dedicato al grande blu dal primo Film muto ai Film Cult.  La storia del cinema in 10 frasi e in 10 frame per rileggere un capitolo importante della società e del costume dal 1920 ad oggi. Una esposizione che permette di apprezzare e “rivivere" alcune tra le pellicole più belle dalla Giustizia del Mare alla Vita di Pi passando per la Tragedia del Bounty, 20000 leghe sotto i mari, lo squalo, Waterworld e Titanic. Al termine il Brindisi con l'Associazione Liberass e con l' Associazione Italiana Sommelier guidati dal delegato di Napoli Tommaso Luongo.

  • TROFEO MAIORCA II EDIZIONE

    SABATO 09 MAGGIO 2020 ore 10:00

Eventi di Luglio

EVENTI DILUGLIO

  • SCUOLA DI ARCHEOASTRONOMIA VII EDZIONE

    LUNEDÌ 13 LUGLIO 2020 ore 10:51

    DAL 13 AL 20 LUGLIO 2020 

    WORK IN PROGRESS 

    INFO VILLAGGIOLETTERARIO@GMAIL.COM

  • SI SEA , CULTURA DEL MEDITERRANEO

    GIOVEDÌ 30 LUGLIO 2020 ore 11:50
    Tutto il Mediterraneo da scoprire
    Storia, letteratura, enogastronomia, teatro, musica, archeologia, sport, arte, cultura...
    Il passato ed il presente del popolo del Mediterraneo
    
    SI SEA - marchio registrato
    Scarica PDF

Eventi di Agosto

EVENTI DIAGOSTO

  • USTICA, FICO FEST II EDIZIONE 2020

    GIOVEDÌ 06 AGOSTO 2020 ore 10:13
    USTICA WORK IN PROGRESS

Eventi di Novembre

EVENTI DINOVEMBRE

  • ARCHEOENOLOGIA

    DOMENICA 01 NOVEMBRE 2020 ore 11:50
    Work in progress
    ARCHEOENOLOGIA

    I saperi e i sapori del Vino